Acero | Wikitecnica.com

Acero

Definizione

Nome scientifico acer pseudoplatanus. Pianta della famiglia delle aceracee, latifoglia a rapido accrescimento, è presente nelle zone temperate di tutta Europa, Asia, Nord America e Canada. In Italia è molto diffusa in formazioni miste a castagni e faggi.

Generalità

Ha una tessitura fine, fibratura varia, colore dal bianco all’avorio e superfici radiali bianche e lucenti.
Ha discreta resistenza meccanica, ma non particolare durabilità a causa della facile aggredibilità da parte di funghi e insetti.
La stagionatura del legno va condotta lentamente e con cura per la forte tendenza alla fessurazione e all’imbarcamento. La facile lavorabilità dei tronchi (lunghezza variabile da 1,5 a 4,5 m e larghezza da 12 a 40 cm) consente di ottenere elementi per connessioni a tutto legno, meccaniche ed incollate. Viene impiegato nella realizzazione di mobili e finiture interne di pregio.

Bibliografia

Benedetti C., Bacigalupi V., Legno architettura, Kappa, Roma, 1991; Giordano G.,Tecnologia del legno, Utet, Torino, 1981.

Copyright © - Riproduzione riservata
Acero

Wikitecnica.com