Adeguamento (tecnologia) | Wikitecnica.com

Adeguamento (tecnologia)

Definizione – Etimologia

Nella programmazione degli interventi sull’esistente è importante perseguire strategie con finalità molteplici, quali il miglioramento fruitivo generale, sicuro ed ampliato, l’adeguamento energetico per la riduzione dei consumi e dei costi di gestione, l’adeguamento delle condizioni di comfort ambientale. Quando l’adeguamento riguarda l’ampliamento della fruizione, il concetto di accessibilità si coniuga con quello più complesso di visitabilità, che presuppone lo studio non solo dei collegamenti verticali e del superamento dei dislivelli, ma anche dei percorsi orizzontali senza barriere, dei servizi e del comfort generale.

Adeguamento funzionale

Il rispetto di requisiti minimi funzionali è finalizzato al miglioramento del comfort attraverso modifiche dell’impianto distributivo che permettano di adeguare l’edificio a nuove funzioni compatibili.

Adeguamento impiantistico

È finalizzato al raggiungimento dell’efficienza energetica attraverso un adeguato sistema impiantistico che consenta lo svolgersi delle attività garantendo le condizioni ottimali di comfort termoigrometrico, acustico e luminoso richieste dall’utenza e dalle attività svolte (sistemi per la protezione antincendio, antintrusione ecc.).

Adeguamento antincendio

L’intervento prevede l’adozione di misure di prevenzione e protezione: le prime riducono la possibilità che l’incendio si sviluppi (materiali e strutture incombustibili o ignifughe, divieti di fumo, limitazione di eventuali surriscaldamenti); le seconde mirano a limitare le conseguenze dell’incendio e, quindi, il pericolo per le persone e le cose attraverso sistemi di tipo passivo (materiali con bassa reazione al fuoco, compartimentazione orizzontale e verticale, distanze di sicurezza) e di tipo attivo (estintori, impianto idrico antincendio, impianto di rilevazione automatica).

Copyright © - Riproduzione riservata
Adeguamento (tecnologia)

Wikitecnica.com