Ambulatorio | Wikitecnica.com

Ambulatorio

Definizione_Etimologia

Dal latino ambulatorius, mobile, derivato di ambulare, camminare. Ambiente dotato di apparecchiature specialistiche per l’esame clinico e la cura di persone affette da patologie che non comportano il ricovero.
L’etimologia del termine denota il tipo di pazienti che utilizzano l’ambulatorio, non ricoverati e capaci di spostarsi (ambulatorio inteso come luogo che si raggiunge camminando). Può indicare una struttura autonoma, gestita da enti e professionisti privati, oppure un ambiente annesso a una struttura più grande, come un ospedale o una clinica. L’ambulatorio medico o odontoiatrico che richiede l’autorizzazione sanitaria deve avere una particolare configurazione in termini di locali ai sensi dell’Allegato 1 alla D.c.r. n. 616 del 22.02.2000.
In termini generali: sala per l’esecuzione delle prestazioni, che garantisca il rispetto della privacy dell’utente, in particolare con area separata per spogliarsi; sala di attesa; accettazione; spazi per attività amministrative; servizi igienici, distinti per utenti e per personale; spazio per la refertazione; locali per il deposito di materiale, attrezzature, strumentazioni.

Normativa

R.d. 27.07.1934, n. 1265 (T.U. leggi sanitarie), art. 193, tuttora vigente; D.p.r. 10.06.1955, n. 854, art. 23; L. 23.12.1978, n. 833 (legge di riforma sanitaria), artt. 13 e 43; D.lgs. 19.06.1999, n. 229 (riforma Bindi), art. 8 ter.

Copyright © - Riproduzione riservata
Ambulatorio

Wikitecnica.com