Anfidistilo | Wikitecnica.com

Anfidistilo

Dal greco amphí, doppio, e stýlos, colonna. Tipologia architettonica caratterizzata da una fronte distila in antis, cioè con due colonne inquadrate tra ante, replicata simmetricamente sul retro.
Nel caso di templi, si tratta generalmente di edifici di piccole dimensioni, più rari degli impianti planimetrici anfiprostili (anfiprostilo) (tempio di Apollo a Camiro, Rodi, III secolo a.C.), ma può essere definito anfidistilo anche lo schema, piuttosto usuale in ambito dorico, della cella di un tempio periptero con pronao e opistodomo distili in antis (cella del tempio di Zeus a Olimpia, prima metà del V secolo a.C.).
La definizione si applica anche ai propilei, i quali presentano spesso due fronti distile in antis, verso l’esterno e verso l’interno di uno spazio recintato, come un ginnasio (ginnasio inferiore di Priene, IV secolo a.C.) o un santuario (santuario di Aphaia a Egina, fine del VI secolo a.C.).

Bibliografia

Livadiotti M., in Lippolis E., Livadiotti M., Rocco G., Architettura greca, Milano, 2007, p. 893.

Copyright © - Riproduzione riservata
Anfidistilo

Wikitecnica.com