Arabescato | Wikitecnica.com

Arabescato

Marmo a struttura saccaroide di buona reperibilità, estratto in diverse varietà nella provincia di Lucca, tra la Versilia e la Garfagnana. Presenta fondo bianco, con possibili sfumature crema o azzurrognole e disegno fortemente venato, caratterizzato da arabeschi (arabesco) e motivi reticolati più o meno fitti; il colore delle venature può variare dal grigio chiaro, al grigio intenso, al verdognolo, al violaceo. Di buona lavorabilità e lucidabilità, viene posato sia in interno che in esterno, in forma di lastre per pavimenti e rivestimenti; è utilizzato anche per la realizzazione di elementi tridimensionali e opere di design. Le varietà del materiale oggi più diffuse sono l’arabescato Arni, l’arabescato Cervaiole, l’arabescato Corchia, l’arabescato Vagli. Anche i marmi orobici, estratti nella provincia di Bergamo, annoverano alcune varietà arabescate, di limitata reperibilità, con colorazioni grigie o rosse.

Bibliografia

Blanco G., Dizionario dell’architettura di pietra, I, Roma, 1999.

Copyright © - Riproduzione riservata
Arabescato

Wikitecnica.com