Asklepieion | Wikitecnica.com

Asklepieion

Nome attribuito ai santuari di Asklepios, divinità in origine ctonia, nel mito ellenico figlia di Apollo e allevata dal centauro guaritore Chirone. Asklepios ereditò da entrambi i poteri guaritori, divenendo patrono della medicina e di luoghi di culto dove si praticavano riti curativi.
L’asklepieion era generalmente un recinto sacro (temenos) provvisto di sorgenti d’acque curative, con un altare e un sacello per le offerte (thesaurós), circondati da un bosco sacro. Nel santuario vi erano stanze e porticati destinati alla degenza dei malati (abaton). Il malato era sottoposto a riti di purificazione e successivamente poteva accedere all’abaton per sottoporsi all’incubatio (sonno riparatore), che il sacerdote interpretava per stabilire la cura. A guarigione avvenuta, il malato incideva il proprio nome e le indicazioni terapeutiche su lastre di pietra (iamata). Celebri gli asklepieion di Epidauro, Atene, Pergamo, Kos.

Bibliografia

Melfi M., I santuari di Asclepio in Grecia, in “Studia Archeologica”, 157, 2007.

Copyright © - Riproduzione riservata
Asklepieion

Wikitecnica.com