Bianco di Carrara | Wikitecnica.com

Bianco di Carrara

Marmo a struttura saccaroide uniforme di grana fine e compatta. Di elevata reperibilità, è estratto in diverse varietà nella provincia di Massa Carrara. Esso presenta fondo unito bianco, con possibili sfumature crema o azzurrognole; il suo aspetto può essere leggermente venato con tenui e piccole screziature grigie. Di ottima lucidabilità e buona lavorabilità, tale marmo viene posato sia in interno che in esterno, in forma di lastre per pavimenti e rivestimenti; è utilizzato anche per la realizzazione di elementi strutturali quali pilastri e colonne ed è diffusamente impiegato in scultura e per opere di particolare pregio. Le varietà del materiale oggi più diffuse sono il Bianco Carrara Unito B (di prima qualità), il Bianco Chiaro C e il Bianco Chiaro D (entrambi di qualità inferiore), il Bianco Madielle, il Bianco Lavagnina.

Bibliografia

Blanco G., Dizionario dell’architettura di pietra, vol. I, Roma, 1999

Copyright © - Riproduzione riservata
Bianco di Carrara

Wikitecnica.com