Centralità (urbanistica) | Wikitecnica.com

Centralità (urbanistica)

Definizione

Il termine esprime principalmente una caratteristica di rilevanza, come l’essere centrale di qualcosa, per esempio la centralità di una questione, e una caratteristica di posizione, nel definire un luogo specifico all’interno della città, un luogo centrale appunto. La centralità è anche una qualità propria dello spazio urbano, in quanto esprime quell’insieme di valori particolari che definiscono l’unicità di un luogo, lo rendono riconoscibile a tutti.

Generalità

Da sempre attribuita al centro della città, raccoglie in sé quell’insieme di funzioni speciali, di spazi ambiti, di attività rare, in grado di attrarre la popolazione che vive al di fuori di essa. Questo rapporto tra luogo centrale e luogo non centrale aggiunge al termine centralità un valore sociale che determina una necessità, una condizione di dipendenza che costringe la popolazione a continui spostamenti dall’esterno verso l’interno della città, alla ricerca della centralità che solo il centro possiede.
Questo è il modello che sottende la struttura della città occidentale, il cui carattere più evidente risulta essere il monocentrismo, e in cui la centralità finisce con l’assumere un’accezione negativa per le conseguenze accennate. Lo stesso modello ha subito, negli ultimi decenni, profonde modificazioni in risposta alla nuova dimensione e struttura della città contemporanea. Una città definita diffusa, caratterizzata dal rappresentare un continuum urbano sul territorio, senza soluzione di continuità tra comuni contigui; una città arcipelago, in cui non si riconoscono più le gerarchie spaziali tradizionali ma in cui si organizzano una pluralità di nuovi centri attivi, contenitori di nuove funzioni e ognuno sorretto da proprie dinamiche economiche, che non dipendono dal centro ma che entrano in relazione con la città tutta, costituendone nuovi punti di riferimento. In parte provocata da ragioni endogene alla città stessa e in parte sostenuta dalla volontà di chi la città la governa, questa nuova organizzazione urbana, se da un lato costituisce un’evoluzione della città contemporanea, dall’altro non implica che questa evoluzione produca nuova qualità.
La presenza di centralità esterne all’area centrale risponde a una vera trasformazione urbana quando è possibile sostituire il termine tradizionale monocentrismo con un altro, policentrismo, e lasciare che la centralità assuma un ulteriore significato. La creazione di nuove centralità si definisce, pertanto, una strategia di riqualificazione urbana il cui scopo non è solo quello di introdurre, nei tessuti caratterizzati da una sola funzione, solitamente quella residenziale, altre funzioni, non residenziali; si ottiene una centralità quando questa diventa un luogo specifico nel tessuto urbano, una polarità la cui capacità di attrazione corrisponde alla molteplicità di relazioni che essa è in grado di instaurare con il centro della città e le altre polarità presenti nel territorio. L’alto livello di accessibilità, oltre la polifunzionalità, è ciò che contribuisce a definire un luogo non centrale una centralità, che sia capace di esprimere quei valori di urbanità riconoscibili come connotati di qualità e identità sociale.
Nella definizione di un nuova centralità, quindi, una particolare attenzione deve essere rivolta alla progettazione del sistema delle infrastrutture e dello spazio pubblico, in quanto ne rappresentano struttura portante e luogo di scambio sociale. Generatrice di qualità urbana e di socialità la centralità deve, inoltre, promuovere la riqualificazione dei tessuti a essa circostanti, attraverso interventi di connessione con la scala locale, che legittimino il ruolo della centralità definendone l’appartenenza al contesto.
Il termine centralità, nella città contemporanea, si traduce nella comprensione e definizione di un’operazione strategica e complessa, che necessita, per la sua realizzazione, di un modello di intervento multidisciplinare e interscalare.

Bibliografia

Cusmano M. G., Le parole della città, Milano, 2009; Indovina F. (a cura), La città diffusa, Venezia. 1990; Marcelloni M., Ombelico, in Indocina F., Nuovo lessico urbano, Milano. 2006.

Copyright © - Riproduzione riservata
Centralità (urbanistica)

Wikitecnica.com