Cilindro | Wikitecnica.com

Cilindro

Definizione – Etimologia

Dal gr. kylíndein (rotolare), superficie generata da una retta, detta generatrice, che scorre lungo una linea, detta direttrice, mantenendo costante la sua direzione. Si dice circolare, ellittico, parabolico, aperto o chiuso in riferimento al tipo di linea direttrice. Si dice circolare retto se la direttrice è circolare e la sua giacitura è ortogonale alla direzione delle generatrici.
Il cilindro circolare retto è il modello geometrico della colonna usata variamente in architettura ed è anche definibile come rotazione di un rettangolo intorno a un suo lato, che prende il nome di asse del cilindro. Quando la linea è chiusa e la superficie è sezionata da due piani tra loro paralleli, ma non paralleli alle generatrici, si intende di norma per cilindro anche la porzione di spazio contenuta all’interno. Il cilindro fa parte delle superfici sviluppabili, vale a dire srotolabili su un piano.

Applicazioni architettoniche

In architettura il cilindro ha innumerevoli applicazioni. Sono porzioni di cilindro le volte a botte, o quelle ribassate o a sesto acuto. Sono generalmente cilindriche le nicchie, le absidi e gran parte delle modanature. Di particolare interesse architettonico solo le curve generate dall’intersezione dei due cilindri (generalmente circolari) che formano le volte di ambienti con pianta a crociera; esse sono ellissi se i cilindri hanno direttrici di uguale diametro, o curve sghembe quartiche (di quarto grado) se hanno direttici di diametro diverso.
Particolari cilindri sono quelli detti quadrici, che fanno parte della famiglia delle superfici quadriche; tutti rientrano nella famiglia delle superfici rigate (generate dal movimento di una retta).
Specchi sagomati a forma di cilindro parabolico (o paraboloide cilindrico) sono usati per la captazione di raggi solari al fine di produrre energia termica rinnovabile. Lungo l’asse focale del paraboloide, dove si concentrano tutti i raggi riflessi dallo specchio, è disposta una caldaia tubolare. Intorno a essa l’intero apparato può ruotare per disporsi in modo da captare i raggi solari sempre nella misura massima.
Si chiamano cilindroidi alcuni tipi di superfici rigate somiglianti al cilindro, aventi però differenti genesi spaziali, ad esempio generate da una retta che si muove mantenendosi parallela a un piano e appoggiandosi a due particolari curve chiuse. Più genericamente, per cilindroidi si intendono alcune deformazioni o approssimazioni dei cilindri.

Copyright © - Riproduzione riservata
Cilindro

Wikitecnica.com