Cipollino | Wikitecnica.com

Cipollino

Roccia metamorfica a struttura saccaroide dal fondo bianco, ceruleo o grigiastro, con ampia gamma di colorazioni e disegni in funzione delle relazioni spaziali e dei rapporti quantitativi fra i minerali della roccia stessa. Trae il nome dall’andamento caratteristico delle venature, a bande rettilinee striate di colore verdognolo (come nel cipollino ‘900) o variamente contorte in ampie pieghe (come nel cipollino Fantastico). A causa della scistosità che tende a sfogliare il materiale, il cipollino non presenta buona resistenza agli agenti atmosferici; è quindi principalmente impiegato per elementi architettonici, pavimenti e rivestimenti d’interni.
La maggior parte della produzione italiana è concentrata nelle Alpi Apuane. Fra le varietà si ricordano: cipollino della Versilia, cipollino Fantastico Arni, cipollino Garfagnana, cipollino ‘900 o Zebrino, cipollino Verde, cipollino Viola Isolasanta. Cipollino antico è detta la varietà impiegata nella Roma imperiale col nome di marmor carystium, da Caristo, la città di provenienza nell’isola di Eubea.

Copyright © - Riproduzione riservata
Cipollino

Wikitecnica.com