Collaudo (costruzioni) | Wikitecnica.com

Collaudo (costruzioni)

Il termine collaudo deriva dal termine latino collaudare composto di com, “con” e laudare che oltre quello di “lodare”, ebbe pure il senso di “approvare”. La voce collaudare significa dunque approvare o riconoscere la regolare esecuzione di un lavoro; il collaudo è l’atto di collaudare ed il certificato che ne fa fede.
Il collaudo statico riguarda il controllo del comportamento e delle prestazioni delle parti dell’opera che svolgono funzione strutturale. Per il corretto esercizio di questo controllo non possono essere affidati incarichi di collaudo ai tecnici che hanno svolto attività di progettazione, direzione dei lavori, ecc. dell’opera da collaudare. Il collaudo statico è necessario per tutti gli interventi edilizi, (lavori di nuova costruzione, di adeguamento o miglioramento di edifici esistenti) e riguarda sia gli edifici privati che le opere pubbliche, indipendentemente dal sistema costruttivo adottato e dal materiale impiegato. Non necessitano del certificato di collaudo solo gli interventi di riparazione o interventi locali, dichiarati dal progettista abilitato, privi di rilevanza.
Il collaudo statico va, in genere, eseguito in corso d’opera le ispezioni vanno eseguite in presenza del Direttore dei Lavori e del Costruttore.
Il collaudo statico comprende i seguenti adempimenti: esame dei certificati delle prove sui materiali; esame dei certificati degli elementi e materiali strutturali utilizzati in cantiere; controllo dei verbali e dei risultati delle eventuali prove di carico fatte eseguire dal Direttore dei Lavori; esame del progetto dell’opera; esame delle indagini eseguite nelle fasi di progettazione e costruzioni; esame della relazione a strutture ultimate del Direttore dei Lavori.
Il collaudatore può inoltre richiedere di effettuare ulteriori accertamenti utili per la formazione di un serio convincimento sulla collaudabilità dell’opera (per esempio prove di carico, monitoraggi ecc).

Copyright © - Riproduzione riservata
Collaudo (costruzioni)

Wikitecnica.com