Colombaia | Wikitecnica.com

Colombaia

Dal lat. columbarium, è una struttura destinata all’allevamento dei colombi. Isolata o addossata ad altri edifici, cilindrica o quadrangolare, la colombaia si sviluppava in altezza e aveva più serie di piccole aperture esposte a est per far entrare un piccione alla volta, mentre all’interno i nidi erano ricavati nello spessore del muro.
Già presente nel mondo romano, la colombaia si diffonde nel Medioevo, quando diviene privilegio della nobiltà e del clero, perché il colombo era apprezzato sia per la sua carne, sia per il guano impiegato nella concia delle pelli; il colombo era utilizzato anche per la caccia. La pubblicazione di trattati che affrontano l’argomento all’inizio del Cinquecento diede l’impulso alla costruzione di nuove colombaie, in cui si cominciò a prestare attenzione anche all’aspetto formale (colombaia di Minerbio, attribuita al Vignola).
Pur cadute in disuso con l’abolizione dei privilegi nel 1789, ancora per tutto l’Ottocento la proprietà delle colombaie fu difesa dai nobili proprietari terrieri.

Copyright © - Riproduzione riservata
Colombaia

Wikitecnica.com