Compitum | Wikitecnica.com

Compitum

Definizione – Etimologia

Nella città romana è un crocicchio di tre o più strade convergenti, caratterizzato dalla presenza di sacelli votivi dedicati ai Lares. Il termine passa poi a identificare le stesse edicole sacre. Varrone e Isidoro di Siviglia fanno risalire la parola al verbo competere (“andare insieme verso un medesimo punto”), derivante dal composto di cum e pĕtō (“mi dirigo verso”).

Il ruolo nel mondo romano

Il collegamento tra la presenza di un compitum e la venerazione dei Lares affonda le sue radici nella religione romana arcaica e nell’organizzazione urbana della città tradizionalmente attribuita a Servio Tullio. Il sesto re di Roma avrebbe suddiviso la città in vici, ripartizioni del territorio assimilabili a quartieri, che si ritrovavano nel culto comune dei Lares compitalia, venerati proprio ai crocicchi, laddove la comunità poteva facilmente riconoscersi. I Lares, divinità ctonie, arcaiche a tal punto da confondersi con le forze della natura, costituivano un culto molto popolare, tipico del mondo rurale e servile.
I Compitalia erano festività degli schiavi, sospese nel 64 a.C. per motivi di opportunità politica e restaurate da Augusto, il quale nella riorganizzazione della città stabilì un compitum Larum per ogni vicus, associando la venerazione del Genius Caesaris a quella dei Lari e sottoponendo alla giurisdizione dei vicomagistri i compita stessi. Questi luoghi, centri di aggregazione dei quartieri, sono descritti dalle fonti come piccoli spazi a cielo aperto, recintati e caratterizzati da ingressi passanti, in rapporto al numero di strade convergenti. Il sacello, a forma di tempio e con un’ara al centro, poteva essere accompagnato da sedili per il riposo di chi portava le offerte, da alberi o da piccole fontane.
Dei probabili 423 compita esistenti a Roma sotto Costantino, solo 22 risultano archeologicamente attestati.

Bibliografia

Pisani Sartorio G., Compita Larum: edicole sacre di Roma Antica, in Cardilli L. (a cura), Edicole Sacre Romane. Un segno urbano da recuperare, Roma, 1990, pp. 65-71.

Copyright © - Riproduzione riservata
Compitum

Wikitecnica.com