Comproprietà | Wikitecnica.com

Comproprietà

Definizione-Etimologia

Si ha comproprietà quando “la proprietà o altro diritto reale spetta in comune a più persone”, salvo sia diversamente disposto dalla legge o dal titolo di acquisto.

Disposizioni legislative

La disciplina base è contenuta negli artt. 1100 e ss. c.c.

Caratteristiche essenziali di qualsiasi comproprietà sono:
a) presenza di due o più soggetti giuridici (comproprietari) titolari delle medesime facoltà;
b) interdipendenza dei diritti;
c) il concorso dei partecipanti ai pesi e vantaggi in proporzione delle rispettive quote.

Il diritto di ciascuno dei comproprietari non ha per oggetto una porzione materiale della cosa, bensì abbraccia la cosa nella sua totalità: la quota (ideale) rappresenta la misura della titolarità di ciascuno sulla cosa e va calcolata in termini percentuali rispetto all’intero bene indiviso.

Diritti del comproproprietario:
a) servirsi della cosa comune;
b) percepirne i frutti;
c) possederla;
d) apportare delle modifiche, a sue spese, purché non ne alteri la destinazione.

Non è possibile invece impedire agli altri compropretari di usare la cosa secondo il loro diritto. Gli abusi possono essere oggetto di opposizione da parte di questi. Ciascun comproprietario può vendere la quota; quando le varie quote si concentrano in un unico proprietario, la comproprietà cessa. La comproprietà può sorgere per volontà delle parti o in modo incidentale (tipico esempio è la comproprietà data dalla successione ereditaria). La comproprietà si scioglie con la divisione, mediante la quale ciascun comproprietario riceve, in proporzione alla sua quota, una porzione materiale del bene comune. In mancanza di accordo è possibile rivolgersi al giudice (art. 784 e ss. c.p.c.).

Particolari forme di comproprietà sono:
a) il condominio negli edifici, in quanto sono di proprietà comune i muri, le scale, i locali tecnici, le fondamenta ecc.;
b) la comunione legale tra coniugi (art. 177 c.c.), in quanto i beni acquistati dopo il matrimonio da ciascuno sono considerati legalmente di proprietà comune al 50% (fatte salve alcune eccezioni).

Copyright © - Riproduzione riservata
Comproprietà

Wikitecnica.com