Connessione (tecnologia) | Wikitecnica.com

Connessione (tecnologia)

Collegamento tra elementi di una costruzione ad incastro o con cavicchi e biette; nelle costruzioni contemporanee prevalentemente con viti, chiodi, staffe metalliche o collanti. 

Per le connessioni di elementi in acciaio, si preferisce il termine “unioni” da effettuarsi per mezzo di bullonatura, chiodatura o saldatura. Nei sistemi prefabbricati in c.a. le connessioni fra travi, pilastri e fondazioni possono essere monolitiche, con comportamento equivalente a quello dei sistemi in opera, o innovative con possibilità di ricentraggio con cavi scorrevoli precompressi ed elementi dissipativi.

Nei sistemi a secco, le connessioni delle diverse parti del sistema tecnologico si trasformano, da strumenti di “unione stabile”, in strumenti di “unione temporanea” in grado di consentire un facile smontaggio delle parti per la loro manutenzione e/o sostituzione senza, per questo, compromettere il funzionamento dell’edificio.

L’aggettivo contrario, sconnesso, è utilizzato per definire uno scarso grado di connessione tra le varie parti e quindi la possibilità di movimenti reciproci.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Connessione (tecnologia)

Wikitecnica.com