Cornicione | Wikitecnica.com

Cornicione

Definizione – Etimologia

Cornice di notevoli dimensioni posta a coronamento di un edificio, finalizzata a soddisfare l’esigenza di proteggere le facciate dall’acqua piovana e dall’incidenza del sole. Il termine è un accrescitivo di cornice, dal greco κορωνίς (estremità), ed è riferito principalmente alle grandi cornici aggettanti impiegate negli edifici civili monumentali del Rinascimento.

Lineamenti storici

La necessità di proporzionare l’elemento alle dimensioni complessive del prospetto su cui insiste porta, già nell’architettura dei palazzi della metà del Quattrocento, all’elaborazione di complesse soluzioni costruttive per la realizzazione di cornici di altezza elevata e in forte sporgenza rispetto al piano della parete. Uno tra i primi, rilevanti esempi di enorme cornicione classico apposto a ombreggiare le pareti sottostanti si ritrova in Palazzo Medici a Firenze, edificato tra il 1444 e il 1464 su progetto di Michelozzo, dove la membratura di coronamento assume un’altezza di circa 3 m, contro i 25 m della facciata.
Il notevole aggetto dell’elemento, che in Palazzo Strozzi (Firenze, 1489-1536) raggiunge 2,15 m di sporgenza, pone problemi di stabilità alla rotazione, risolti con l’apposizione di robuste mensole di sostegno, spesso in forma di modiglioni. I mensoloni, parti sporgenti di grandi blocchi incastrati nel muro, spesso occupano e scandiscono il fregio della sottostante trabeazione classica e tra loro, a partire dal Cinquecento, si aprono le finestrelle dell’ultimo piano di servizio.
Il motivo del cornicione sopravvive sino all’affermazione dell’architettura contemporanea, quando la tendenza alla semplificazione dei volumi e la diffusione delle coperture piane a terrazza portano alla riduzione dell’elemento a semplice gronda piana lievemente aggettante o alla sua completa eliminazione.

Bibliografia

Breymann G. A., Porte, Finestre, Cornici, Cornicioni, in Trattato generale di costruzioni civili, Roma, 2003, pp. 42-55; Murray P., L’architettura del Rinascimento italiano, Bari, 2002, pp. 67-82.

Copyright © - Riproduzione riservata
Cornicione

Wikitecnica.com