Corporazione | Wikitecnica.com

Corporazione

Definizione-Etimologia

Associazioni professionali e artistiche, eredi dei romani corpora (da cui il vocabolo moderno), collegia o artes, che, formatesi durante la Repubblica su base volontaria tra persone che esercitavano le stesse funzioni o mestieri, assunsero nel tardo Impero, a seguito della crisi economica del III secolo, carattere coattivo sotto il diretto controllo dello Stato per garantire l’esercizio dei servizi necessari alla vita sociale e gli approvvigionamenti urbani.

Storia

Il crollo del mondo romano avrebbe prodotto la scomparsa di questa organizzazione, ma, pur nella scarsità di documenti per l’Alto Medioevo (tra i pochi quelli dei secoli VI-VII relativi ai magistri commacini), se ne può ipotizzare una parziale sopravvivenza sotto l’autorità politica regia, comitale o vescovile.
Con il XII secolo, il risveglio delle attività commerciali e lo sviluppo demografico ed economico urbano produssero un’ampia fioritura di associazioni di mestiere, sotto vari nomi (fraglie, paratici, arti, poi università e collegi; nell’Europa centro-settentrionale gilde, in Spagna gremios), a difesa degli interessi comuni e a scopo di regolamentazione e trasmissione del sapere professionale, con forti connotazioni religiose (adozione di un santo patrono, chiese e cappelle riservate a celebrazioni societarie, sepoltura dei defunti), comuni al fenomeno parallelo delle confraternite.
Nell’Italia comunale, in contrapposizione a consorterie nobiliari e associazioni del “popolo minuto”, le corporazioni assunsero un ruolo importante nel governo delle città, articolandosi in maggiori e minori, ma con una frammentazione del tessuto sociale che favorì l’avvento dei regimi signorili e la conseguente limitazione dei loro poteri normativi e giurisdizionali, non funzionali ai nuovi orientamenti politici.
La decadenza si accentuò dal XVI secolo, riducendo la presenza delle corporazioni a ruoli solo rappresentativi, finché, con l’Illuminismo, furono viste come depositarie di vincoli e privilegi inutili e odiosi e quindi abolite.

Copyright © - Riproduzione riservata
Corporazione

Wikitecnica.com