Costolone (costruzioni) | Wikitecnica.com

Costolone (costruzioni)

Il sostantivo lat. costa definisce ciascuna delle ossa arcuate che compongono il torace e rappresenta l’origine del termine costolone inteso come elemento di uno scheletro.

In architettura, il costolone individua una nervatura con funzione strutturale, e non semplicemente decorativa, tipica delle coperture a volta e a cupola, ma anche di murature snelle. In strutture voltate e cupolate, i costoloni costituiscono il telaio degli spicchi, delle vele e delle unghie e sono di norma posizionati negli spigoli. Deputati a convogliare le spinte e i carichi sovrastanti sui piedritti coi quali sono normalmente raccordati, sulle lesene o sul tamburo, i costoloni costituiscono le nervature principali della struttura e sono coronati al proprio colmo da un concio in chiave, spesso decorato. In particolare, nell’architettura gotica inglese questo elemento finale (in francese: pendetif) ha anche un rilevante valore estetico in quanto sostiene elementi decorativi.

In accordo con la loro funzione portante, i costoloni sono realizzati in materiali resistenti (pietra, laterizio, cemento armato, metallo). La connessione con le strutture che essi sorreggono dipende dal materiale, dalle epoche e dalle tecniche costruttive utilizzate: possono essere semplicemente giustapposti o incastrati anche con elementi di rinforzo (staffe, perni e legature metalliche). La disposizione dei costoloni varia a seconda della configurazione delle strutture che sono chiamati a sostenere: nelle volte a botte hanno direzione parallela alle generatrici, nelle volte a crociera sottolineano le diagonali di intersezione mentre, nelle cupole, seguono gli archi meridiani.

Nelle recenti strutture a guscio dell’architettura moderna e contemporanea il costolone assolve sia valore decorativo che strutturale; ad esempio nelle costruzioni di P.L. Nervi diventa materializzazione delle linee di tensione.

Bibliografia

Taupin J.L., Spazio basilicale, aste e “gusci nervati”, in Blasi C., Coïsson E., La fabbrica del Duomo di Parma, Parma, 2006

Copyright © - Riproduzione riservata
Costolone (costruzioni)

Wikitecnica.com