Cromogenica (parete) | Wikitecnica.com

Cromogenica (parete)

I materiali cromogenici sono in grado di modificare le loro proprietà ottiche al mutare delle condizioni esterne e interne, climatiche, termiche, funzionali e gestionali, grazie alle particolari proprietà fisico-chimiche per le quali subiscono una trasformazione di stato, passando da elemento trasmittente a parzialmente riflettente la radiazione incidente.
Le pareti cromogeniche sono di quattro tipi: termocromiche, fotocromiche, elettrocromiche e a cristalli liquidi. Le più note, le termocromiche, sono composte di materiali trasparenti, organici, inorganici o in film di ossidi metallici, che modificano le proprietà ottiche in funzione della temperatura con reazioni chimiche reversibili. Nelle pareti è usato il “Tald”, un gel stabile la cui reattività può essere regolata tra i 10 °C e i 70 °C e la cui trasmissione solare è variabile tra il 10% e l’84%, riducendo i consumi energetici da raffrescamento artificiale e migliorando le condizioni climatiche ambientali interne.

Copyright © - Riproduzione riservata
Cromogenica (parete)

Wikitecnica.com