Cubatura | Wikitecnica.com

Cubatura

Definizione – Etimologia

Dal lat. cubus, derivato dal gr. cybos, cubo, indica l’operazione di misurare lo spazio compreso in un solido confrontandolo con un cubo di lato unitario. Cubatura quindi è la misura del volume di un corpo, così come quadratura si riferisce alla misura di una superficie.

Generalità

In urbanistica, costituisce un parametro fondamentale della normativa di progettazione e di controllo degli edifici, definita come Superficie Coperta moltiplicata per l’altezza dell’edificio stesso (generalmente definita dalla quota del marciapiede alla gronda). Per il calcolo ci si riferisce ai parametri fissati nei regolamenti edilizi, diversi a seconda dei Piani Regolatori (PRG) di riferimento e delle conseguenti Norme Tecniche di Attuazione (NTA), in cui vengono descritte le modalità di misura e conteggio di piani interrati, rientranze e sporgenze del volume oggetto di misura. Tali parametri si riferiscono sia ai valori massimi delle cubature ammesse, sia alle cubature e misure minime che devono essere assegnate ai singoli spazi di un edificio in relazione alle diverse funzioni e attività a cui essi sono destinati (in particolare per le abitazioni). Di fondamentale importanza nella definizione di tali parametri minimi sono stati gli studi di epoca razionalista di A. Klein, Le Corbusier e W. Gropius, che hanno introdotto il concetto di “alloggio minimo” e di “minimo di abitazione”.
La cubatura minima necessaria alle funzioni vitali è oggetto di studio dell’igiene edilizia, che nel R.D. 24.5.1925 trova la prima definizione di requisiti minimi igienico-sanitari relativi agli ambienti. L’indice di cubatura territoriale (o di fabbricabilità) indica, in m3, il volume massimo edificabile per ogni m2 di superficie territoriale, definendo il rapporto tra cubatura e superficie. Viene istituito per la prima volta nella l. 1150/1942 e da allora costituisce un importante indice di occupazione del suolo, fondamentale nelle operazioni di pianificazione urbana.

Bibliografia

Giedion F., Spazio, tempo e architettura, Milano, 1954.

Copyright © - Riproduzione riservata
Cubatura

Wikitecnica.com