Dilavamento | Wikitecnica.com

Dilavamento

Prolungato scorrimento dell’acqua, che agisce rimodellando le forme in un progressivo consumo. Strutture murarie e decorazioni all’aperto sono esposte al dilavamento della pioggia, il quale si presenta soprattutto su manufatti quali vasche e fontane, in prossimità di corsi d’acqua, sulle superfici investite dalla percolazione localizzata di grondaie danneggiate. Il degrado per dilavamento non riguarda solo le vie di scorrimento preferenziale e le aree investite da soffi d’aria e correnti, dove più rapida è l’evaporazione.
La superficie perde materiale, ma si copre di veli biancastri e compatti, con gore di umidità, per il processo di ricarbonatazione; possono coesistere depositi biancastri consistenti e macchie nerastre, dovuti rispettivamente a licheni di superficie e a licheni endolitici, cioè colonizzati all’interno e nelle cavità. Quando il dilavamento è dovuto a piogge acide, il degrado è più veloce e aggressivo per la reazione chimica di trasformazione del marmo in solfato di calcio, e il modellato assume forme disarmoniche.

Copyright © - Riproduzione riservata
Dilavamento

Wikitecnica.com