Duttilità | Wikitecnica.com

Duttilità

Definizione – Etimologia

Il termine deriva dal lat. ductilis, ovvero che può essere condotto, e dunque da ductum, participio passato di dúcere, che significa condurre.

Duttilità strutturale

Il termine duttilità, opposto di fragilità, ha molti significati ma nel moderno lessico dell’ingegneria strutturale indica la capacità d’un corpo di subire, sotto carico, grandi deformazioni plastiche prima di giungere a rottura. Le deformazioni plastiche o inelastiche, al contrario di quelle elastiche, caratterizzano lo stato deformativo del corpo anche dopo la rimozione del carico applicato.
La duttilità strutturale, soprattutto nell’ambito dell’ingegneria sismica, costituisce una proprietà meccanica non meno importante della resistenza. Un edificio antisismico, infatti, deve essere in grado di dissipare energia, tramite lo sviluppo, appunto, di deformazioni inelastiche, durante l’evento sismico e di mantenere, dopo l’evento sismico, un margine di sicurezza nei confronti del collasso.

Copyright © - Riproduzione riservata
Duttilità

Wikitecnica.com