Elemento (architettura) | Wikitecnica.com

Elemento (architettura)

Definizione – Etimologia

Dal latino elemèntum, etimologia incerta. Unità teoricamente indivisibile dalla cui aggregazione derivano corpi più complessi.

Generalità

L’elemento è un’unità minima, teoricamente inscindibile in relazione alla scala, che si pone alla base del fare architettura. Parlare di elementi significa, infatti, parlare delle regole e delle logiche atte a combinarli in organismi più complessi, ragionare della grammatica e della sintassi della composizione. È il sistema di quelle relazioni a determinare la forma finale, sia essa architettonica, edilizia, urbana o territoriale. Il concetto di elemento, infatti, può essere applicato anche a strutture dotate di maggiore complessità nel momento in cui queste si caratterizzano quali unità compositive primarie di organismi di maggiore dimensione.

In architettura, ad esempio, l’elemento mattone si compone a formare la struttura muro. L’insieme dei muri costituisce il sistema strutturale. La compresenza di più sistemi (strutturale, distributivo ecc.) concorre a definire l’organismo architettonico.

Analogamente, a scala urbana, un tipo edilizio costituisce quell’elemento che aggregandosi lungo un percorso determina quella struttura aggregativa di base che è la strada. Più strade costituiscono il tessuto, in quanto sistema complesso di percorsi, edifici e lotti. Più tessuti determinano l’organismo urbano e così via.

In linea generale, si può affermare, allora, che un insieme di elementi si compone a formare una struttura, la quale se, da un lato, si pone ad un primo livello di complessità, dall’altro si pone, a sua volta, come elemento compositivo di sistemi più ampi. Ognuno di questi sistemi sarà quindi, di nuovo, risultante complessa di “strutture elementari” ed elemento compositivo di forme aggregative ancora più ampie che possiamo chiamare organismi: organismi di sistemi, sistemi di strutture, strutture di elementi possono essere considerati i passaggi salienti di una scalarità logica su cui si basa qualunque processo combinatorio.

Bibliografia

Durand J.N.L., Précis de leçons d’architecture, Paris, 1802/1805; Norberg-Schulz Ch., Genius Loci, Milano, 1979; Maretto P., Realtà naturale e realtà costruita, Firenze, 1980; Strappa G., Unità dell’organismo architettonico, Bari, 1995.

Copyright © - Riproduzione riservata
Elemento (architettura)

Wikitecnica.com