Emblema | Wikitecnica.com

Emblema

Il termine deriva dal greco émblema, composto dalla preposizione em (per en, cioè “in”, “dentro”) e dal sostantivo blẽma (getto, tiro), dal verbo bállo (lanciare, gettare, collocare). Esso significa, quindi, “ciò che si mette dentro” o “che s’inserisce”, “ornamento”.

In epoca romana con emblema s’intende un mosaico, un ornato o una figura in rilievo. Dal Rinascimento il vocabolo inizia ad avere un significato più ampio e assume, infatti, la valenza di simbolo, spesso costituito da un’immagine e da un motto, ma non obbligatoriamente da entrambi. Rispetto all’impresa le parole che accompagnano l’emblema sono esplicative delle figure ma possono anche servire per richiamare concetti universali. Si possono considerare come emblema uno stemma nobiliare, la sigla o il marchio di fabbrica, di un’impresa commerciale nonché il simbolo di una nazione. La differenza fondamentale fra stemma ed emblema è la mancanza di uno scudo gentilizio nell’emblema.

Copyright © - Riproduzione riservata
Emblema

Wikitecnica.com