Ergonomia (impianti) | Wikitecnica.com

Ergonomia (impianti)

Neologismo, attribuito allo psicologo inglese K.H.F. Murrel, coniato a Oxford (1949) nell’ambito dello “Human Research Group”, costituito da accademici appartenenti a tre aree disciplinari: biomedica, politecnica e psicosociale. Il suo significato etimologico (érgon-nómos) coniuga lavoro e leggi che lo regolano, finalizzate a rendere la progettazione di strumenti, prodotti, processi e ambienti di lavoro (fisici e organizzativi) adatta alle caratteristiche e ai bisogni dell’uomo.
La molteplicità e la reciproca interazione di tali variabili giustificano l’esigenza di gestire e valutare la complessità del sistema di lavoro attraverso un approccio olistico, con studi e interventi multidisciplinari basati sulle competenze di ingegneri, architetti, medici, antropologi e psicologi. L’ergonomia di “concezione” (ex ante) è da preferire all’ergonomia di “correzione” (ex post), che interviene quando la progettualità del sistema non è antropocentrica né integrata.

Copyright © - Riproduzione riservata
Ergonomia (impianti)

Wikitecnica.com