Figura | Wikitecnica.com

Figura

1 | Figura | Rappresentazione e media

Si definisce figura la conformazione spaziale di un elemento identificabile e circoscrivibile rispetto a un fondo generico. La figura è la parte di un insieme che sia descrivibile separatamente per forma, o per qualità riconoscibili e isolabili. La figura è generalmente emergente rispetto a un campo percettivo neutro, perciò si riferisce soprattutto a una sagoma bidimensionale e comunque a qualcosa che presenti autonomia morfologica valutabile visivamente in termini di estensione.
Il senso di figura si precisa proprio in rapporto a ciò che figura non è e che assume quindi il ruolo di fondo, sia sul piano della rappresentazione, dove la figura è una regione definibile del piano dell’immagine e il fondo è ciò che la circonda, sia sul piano logico, astratto o metaforico, dove figura è il soggetto preso in esame e il fondo è ciò che esso esclude.
Figura è anche, però, l’intera rappresentazione che contiene sia le figure che lo sfondo, come sinonimo di illustrazione o genericamente di immagine.
Figure geometriche per eccellenza sono le sagome di enti geometrici piani disposte o proiettate su superfici. Figure sono le linee piane o, comunque, disponibili su una superficie, sia curve che spezzate, sia aperte che chiuse, nonché le aree da esse eventualmente racchiuse. Per estensione sono dette figure le rappresentazioni della realtà ridotte alla loro essenza bidimensionale percepibile, nella quale sia fatto riferimento prevalente ai rapporti descrivibili in termini di superficie, forma e qualità di una particolare immagine, distinti da altri aspetti diversamente sostanziali dell’oggetto rappresentato.
Figure o configurazioni architettoniche sono gli elementi di un insieme architettonico che possono essere individuati, riconosciuti, ordinati e classificati secondo caratteristiche morfologiche oggettivabili.
Figura è, per estensione, tutto ciò che ha un aspetto descrivibile in termini di apparenza percettiva.
Configurare è l’atto con il quale si attribuisce distinguibilità, ovvero qualità unitaria riconoscibile per forma o per altre caratteristiche, ad alcuni elementi di un insieme altrimenti privi di coerenza; anche in senso astratto.

Copyright © - Riproduzione riservata
Figura

Wikitecnica.com