Flessimetro | Wikitecnica.com

Flessimetro

Dal latino flexus, “piegata” e “metro”, strumento che misura le deformazioni di strutture sottoposte a flessione come solai, travi, travate di ponti ecc.
Durante le prove di carico sulle strutture, o nei monitoraggi, i flessimetri permettono di misurare le componenti verticali delle deformazioni subite. La conoscenza delle deformazioni flessionali sotto carico è utile per confrontare le deformazioni ipotizzate in fase progettuale con i comportamenti reali. In verità i flessimetri non misurano direttamente la flessione, ma gli spostamenti di punti specifici rispetto a basi di riferimento, per cui, per definirli, è più corretta l’espressione “comparatori di spostamenti”. 
La trasmissione degli spostamenti dei punti agli strumenti di lettura avviene generalmente per mezzo di aste o di fili metallici inestensibili. I flessimetri tradizionali sono di tipo meccanico ma esistono inoltre flessimetri a lettura elettronica con display, o collegabili a lettori digitali, che possono effettuare anche misure in campo dinamico.

Copyright © - Riproduzione riservata
Flessimetro

Wikitecnica.com