Fondazioni | Wikitecnica.com

Fondazioni

Fondazioni su pali.
Fondazioni su pali.

Struttura resistente interposta tra il terreno e la sovrastruttura, che trasferisce al terreno i carichi derivanti dal peso proprio e dalle azioni applicate alla sovrastruttura con la finalità di ripartire i carichi suddetti in modo da evitare la rottura del complesso struttura-terreno e da contenere entro limiti accettabili i cedimenti assoluti e differenziali.
Si distinguono le fondazioni dirette da quelle profonde. Le prime sono caratterizzate dall’avere piano di posa in prossimità della superficie e sono denominate superficiali se il piano di posa è a profondità nulla. Le fondazioni profonde sono quelle che trasferiscono i carichi agli strati di terreno resistenti in profondità, sfruttando anche l’attrito che si sviluppa sulla superficie laterale degli elementi (pali) costituenti la struttura di fondazione.
Nell’ambito delle fondazioni dirette si realizzano schemi puntuali, definiti plinti di fondazione, quando si può fare affidamento su terreni (ammassi rocciosi, sabbie e ghiaie molto dense, arigille dure) aventi caratteristiche meccaniche tali che non lasciano temere significativi cedimenti differenziali. Negli altri casi, si adottano schemi continui (travi rovesce, graticci e platee) sia per minimizzare i cedimenti differenziali della sovrastruttura sia per garantire adeguati margini di sicurezza nei confronti del collasso del sistema struttura-terreno, ridistribuendo opportunamente i carichi su superfici di contatto maggiori. Se i suddetti obiettivi non possono essere raggiunti utilizzando fondazioni dirette, si ricorre a fondazioni profonde (su pali o fondazioni a pozzo).

Fondazioni

Wikitecnica.com