Frangisole, impianti | Wikitecnica.com

Frangisole, impianti

Frangisole Pvc | Frangisole Impianti | Impianti

Definizione

Vi sono molte ragioni per controllare la radiazione solare che entra in un edificio. I carichi solari d’estate possono rendere meno confortevoli gli ambienti e accrescere i consumi di energia per il condizionamento dell’aria, ma possono contribuire al riscaldamento dell’edificio durante l’inverno; in ogni stagione vi è poi l’esigenza di sfruttare al meglio l’illuminazione naturale. I sistemi di controllo della radiazione solare entrante, genericamente detti schermature, se ben progettati e correttamente gestiti, consentono di ridurre i consumi energetici e migliorare il comfort visuale controllando l’abbagliamento e riducendo i contrasti di luce.

Tipologie di frangisole

Esistono vari sistemi di schermatura: tende o veneziane interne, vetri con basso fattore solare e sistemi esterni, dalla vegetazione (alberi, siepi o vegetazione rampicante sulle facciate opache) ai veri e propri frangisole o brise-soleil.
In generale i sistemi esterni risultano sempre più efficaci rispetto ai sistemi interni. Impianti frangisole sono dunque elementi dell’involucro edilizio aventi la funzione di schermare le pareti vetrate dalla radiazione solare. In base al tipo di gestione essi possono essere distinti in fissi o mobili, in base alla geometria in orizzontali o verticali. I frangisole fissi sono spesso costituiti da elementi in muratura o metallici, più raramente in legno. I frangisole mobili possono essere ruotati, orientati o fatti scorrere manualmente (persiane, tapparelle, veneziane esterne) o mediante motore. Possono essere realizzati in legno, metallo (alluminio) o plastica (PVC).
In genere, per proteggere serramenti esposte a sud sono preferibili frangisole sotto forma di elementi aggettanti orizzontali, in quanto essi intercettano i raggi solari nei mesi estivi quando il sole è alto sull’orizzonte, e li lasciano passare d’inverno. Per le facciate esposte a est/ovest sono invece preferibili frangisole verticali, a doghe (possibilmente ruotabili) o a quinte laterali. Esistono anche combinazioni dei due, con sporti fissi sia orizzontali sia verticali, detti “carabottini”. Il dimensionamento degli sporti verticali, orizzontali o combinati, in modo da non lasciar transitare attraverso una finestra i raggi solari estivi senza ridurne la fruibilità in inverno, richiede la conoscenza dei percorsi solari per la latitudine del sito. Esistono metodi grafici (carte solari, nomogrammi) e di calcolo per determinare i periodi in cui lo schermo ombreggia la finestra e stimare la riduzione dell’irraggiamento solare entrante.
Recentemente vi è stato un notevole aumento delle varietà di frangisole. Vale la pena citare i frangisole costituiti da pannelli fotovoltaici (FV), che abbinano al ruolo “passivo” di riduzione dei carichi solari quello “attivo” di produzione di energia elettrica, realizzando una integrazione edilizia incoraggiata anche dalla legislazione vigente sul fotovoltaico (“conto energia”).

Considerazioni per la scelta del tipo di frangisole

Nell’operare la scelta di un frangisole occorre considerare con attenzione la durabilità del materiale di cui sono costituiti e dell’eventuale meccanismo di movimentazione, tenendo conto dei costi aggiuntivi di manutenzione e dei problemi di sicurezza che ne possono derivare. In particolare si deve verificare la possibilità di eseguire agevolmente la manutenzione dei pannelli FV, qualora essi siano presenti, e nei casi più complessi può essere utile analizzare la convenienza dei frangisole in relazione ai vari compiti che sono loro affidati, tenendo conto di:

  • risparmio di energia elettrica derivante dalla riduzione dei carichi solari entranti;
  • produzione di energia da parte del pannello FV;
  • maggior consumo di energia elettrica dovuto all’illuminazione artificiale;
  • maggior consumo di energia termica per la riduzione degli apporti solari invernali.

È interessante osservare che se si impiega un pannello FV in silicio cristallino, l’energia da esso prodotta è dello stesso ordine di grandezza di quella risparmiata dall’impianto di condizionamento. Solitamente i due ultimi termini dovrebbero invece risultare trascurabili rispetto ai precedenti.

Frangisole, impianti

Wikitecnica.com