Iglu (igloo) | Wikitecnica.com

Iglu (igloo)

Definizione-Etimologia

Termine eschimese indicante la tipica abitazione invernale delle popolazioni dell’Artide americana.

Generalità

È forse l’unica struttura, tra quelle primitive, a sfruttare interamente il principio statico della cupola. È costruita con blocchi di neve sovrapposti a coltello secondo una spirale che si conclude, in alto, con un concio di chiave inserito dall’esterno.
Come dimora stabile può avere dimensioni considerevoli e contenere diverse famiglie. Davanti all’ingresso si trovano, spesso, uno o più ambienti cupoliformi, di piccola dimensione, che oltre a proteggere dal vento, sono destinati a dispensa, guardaroba e ricovero per i cani. 
Il piano di soggiorno e dormitorio è normalmente sopraelevato rispetto a quello dell’ingresso e ricoperto di stuoie e pelli di renna. In questo modo è possibile alzare di molto la temperatura interna, rispetto a quella esterna, rendendo l’iglu ospitale per l’uomo. 
Una piccola finestra sopra l’ingresso e un foro sulla sommità della cupola consentono il necessario ricambio dell’aria. 
Gli iglu sono spesso accorpati e comunicanti, venendo a costituire insediamenti, a volte, di una certa complessità.

Bibliografia

Falasca C., Dal clima alla tipologia edilizia, Firenze, 1985; Guidoni E., Architettura primitiva, Milano, 1975; Maretto M., Il paesaggio delle differenze. Architettura, città e territorio nella nuova era globale, Pisa, 2008; Oliver P., Dwellings, Londra, 2003.

Copyright © - Riproduzione riservata
Iglu (igloo)

Wikitecnica.com