Impronta ecologica | Wikitecnica.com

Impronta ecologica

Figura 12004 | Impronta Ecologica | Impianti

Definizione

L’impronta ecologica, originariamente introdotta da Reese e Wackernagel nel 1992 con la denominazione di appropriated carrying capacity, è un indicatore che raffronta il consumo umano di risorse naturali con la capacità della Terra di rigenerarle. Essa rappresenta il fabbisogno di aree di mare e di terra biologicamente produttive necessario per fornire le risorse che la popolazione umana consuma e per assorbirne i rifiuti prodotti. Viene per questo misurata in ettari globali (gha).

Generalità

L’impronta ecologica pro-capite è spesso utilizzata come misura dei consumi e degli stili di vita delle persone di una regione o di una nazione, per verificare se vengono impiegate più (o meno) risorse di quelle disponibili e se, di conseguenza, tali comportamenti siano sostenibili a livello globale. Essa ha dunque un valore “educativo” nei confronti della popolazione, cui vengono suggeriti stili di vita meno aggressivi nei confronti dell’ambiente naturale. Secondo il report del Global Footprint Network relativo al 2007, a livello globale, ogni persona sulla Terra ha utilizzato in media 1,8 gha, con notevoli differenze, tuttavia, tra Paese e Paese: solo 1,2 gha nei Paesi sottosviluppati e ben 6,1 nei Paesi industrializzati (5,0 in Italia). L’impronta ecologica dell’umanità è attualmente pari a 1.5 volte la superficie complessiva della Terra, ossia viene consumato il 50% di risorse in più rispetto a quanto il pianeta è in grado di rigenerarne, mentre se tutta la popolazione della Terra fosse al livello dei consumi italiani, occorrerebbe una superficie pari a 2,55 volte quella del pianeta. Secondo gli scenari analizzati dai ricercatori, se lo stile di vita dell’umanità proseguirà secondo l’attuale trend dei consumi, nel 2030 sarà necessario uno spazio pari a 2 volte quello della superficie della Terra.

Bibliografia

Wackernagel M., Rees W., L’impronta ecologica. Come ridurre l’impatto dell’uomo sulla terra, Edizioni Ambiente, Milano, 2004; WWF, Living Planet Report 2016.

Copyright © - Riproduzione riservata
Impronta ecologica

Wikitecnica.com