Incrocio (storia) | Wikitecnica.com

Incrocio (storia)

01 16cm | Incrocio | Storia

Definizione

Ambito in cui convergono più strade e il conflitto tra i diversi utenti della città è inevitabile; luogo dove occorre definire gli equilibri reciproci tra spostamenti veicolari e flussi pedonali.

Generalità

Gli incroci possono essere classificati in due gruppi: a raso e a livelli sfalsati.
Per quel che riguarda il primo tipo, che a sua volta può essere suddiviso in intersezione a raso lineare e a raso a rotatoria, la progettazione si basa sulla composizione di elementi invarianti, come la dimensione delle carreggiate, ed alcune variabili, come i raggi di curvatura dei cigli esterni delle corsie di svolta.
La rotatoria è una soluzione intermedia tra incroci a raso ed a piani sfalsati. Queste si sono dimostrate particolarmente efficaci per il raccordo di più direzioni di traffico con capacità di flusso simile; la loro efficacia è data dalla parametrizzazione delle velocità di accesso, di smistamento e di deflusso nonchè dalla loro adattabilità anche in ambiti consolidati.
Le intersezioni a livelli sfalsati, invece, consentono lo smistamento delle correnti veicolari fra rami di strade poste a diversi livelli; le soluzioni costruttive richiedono strutture di notevole impatto ambientale, la progettazione delle quali deve superare la visione puramente monofunzionale, per valorizzare il più possibile, le aree residuali intercluse dai tratti di svincolo.
La separazione dei livelli, infatti rappresenta la forma più complessa e sicura di sistemazione di una intersezione – anche se la meno “urbana” – poiché mira ad eliminare ogni conflitto tra i veicoli.

Copyright © - Riproduzione riservata
Incrocio (storia)

Wikitecnica.com