Ipocausto | Wikitecnica.com

Ipocausto

Definizione – Etimologia

Nell’architettura romana è un sistema di riscaldamento basato sulla circolazione dell’aria calda all’interno di intercapedini ricavate sotto le pavimentazioni e lungo le pareti. Discende dal latino hypocaustum, prestito dal greco ypòkayston, composto da ypò (sotto) e kaistòn (part. pass. di kaio “ardere, bruciare”).

Generalità

La tecnica è un’innovazione tardo repubblicana per gli ambienti termali (forse mutuata da precedenti esperienze greche), attribuita da Plinio all’allevatore di ostriche C. Sergio Orata. Tecnicamente l’ipocausto è l’intercapedine sotto il pavimento, realizzata grazie a una griglia regolare di pilastrini in laterizio (pilae), sui quali si imposta un solaio con base in mattoni (suspensura) in grado di trasmettere il calore agli ambienti soprastanti. L’aria calda era immessa nell’ipocausto grazie a forni esterni, comunicanti attraverso aperture nelle pareti.

Bibliografia

Adam J.-P., L’arte di costruire presso i Romani, Milano, 1994; Malacrino C. G., Ingegneria dei Greci e dei Romani, Verona, 2010.

Copyright © - Riproduzione riservata
Ipocausto

Wikitecnica.com