Ivān | Wikitecnica.com

Ivān

Ivān, o anche eyvan o iwan, termine di origine persiana adottato in turco e in arabo per indicare un vano a doppia altezza, in genere voltato ma anche coperto con un solaio piano, chiuso su tre lati e aperto sul quarto.
La sua origine è da ricercare nell’architettura iranica sasanide, della quale nel palazzo reale di Ctesifonte in Iraq si trovano le testimonianze archeologiche più antiche, o nelle sale ad alcova dell’oriente ellenizzato. Nell’architettura residenziale l’ivān, vano di ricevimento e soggiorno per la stagione estiva, è soprelevato dal suolo su di un gradino, aperto sulla corte e orientato verso i venti più freschi. Nelle case e palazzi di area iraniana sono presenti due o quattro ivān contrapposti.
L’impianto tetraiwaco, che è diventato prevalente a partire dal XII secolo in Iran per tutta l’architettura religiosa, è stato poco utilizzato nelle moschee delle regioni occidentali dei territori musulmani dove esso, invece, è stato più diffusamente adoperato in madrase, ribat e ospedali.

Copyright © - Riproduzione riservata
Ivān

Wikitecnica.com