Laguna | Wikitecnica.com

Laguna

Definizione-Etimologia

Dal lat. lacuna (cavità), a sua volta probabilmente derivato da lacus (lago), indicava originariamente una cisterna, poi un particolare bacino d’acqua. Oggigiorno indica un bacino costiero separato dal mare da un cordone litorale, più spesso indicato come insieme di lidi.

Generalità

Una laguna comunica generalmente con il mare attraverso alcune aperture nel cordone litorale, le cosiddette bocche di marea, e al suo interno si trovano spesso formazioni insulari. Originata in genere da fenomeni alluvionali, è caratterizzata da fondali bassi e, sovente, verso terra, dalla presenza della foce di un fiume.
Si distinguono lagune di clima umido o arido a seconda delle caratteristiche climatiche della regione; inoltre, esse possono essere classificate in base alle escursioni di marea che le caratterizzano, distinguendole in microtidali (escursioni inferiori ai 2 m) e mesotidali (tra 2 e 4 m).
Una delle principali cause dell’attuale presenza di lagune è l’innalzamento marino (detto eustatismo), che negli ultimi anni è divenuto un fenomeno preoccupante per colpa dell’incessante aumento delle temperature. Sin dall’antichità le lagune sono state aree insediative privilegiate, come nel caso di Venezia o Chioggia. Proprio questi esempi testimoniano il legame fra insediamento umano e luogo: le caratteristiche della laguna, infatti, hanno fortemente influenzato la nascita delle città e i caratteri delle loro architetture, producendo sin dalle origini una particolare forma di città lagunare, riconoscibile per tipi edilizi, percorsi d’acqua, materiali e forme architettoniche.

Le lagune italiane, secondo il codice normativo, sono beni appartenenti al demanio marittimo.

Bibliografia

Bettini S., Venezia. Nascita di una città, Milano, 1988.

Copyright © - Riproduzione riservata
Laguna

Wikitecnica.com