Lamiera | Wikitecnica.com

Lamiera

Esempio di lamiera forata da rivestimento in acciaio corten.
Esempio di lamiera forata da rivestimento in acciaio corten.

Definizione

Il termine lamiera designa in modo generico le lastre metalliche di ridotto spessore derivanti da processo di laminazione plastica a caldo.

Generalità

Normalmente le lamiere sono distinte tra quelle impiegate con finalità strutturali e quelle utilizzate come rivestimento. Alla prima tipologia appartengono per esempio le lamiere grecate, adottate per la realizzazione di impalcati metallici, la cui geometria è studiata per garantire una maggiore resistenza ai carichi. Alla seconda tipologia appartengono tutti quei prodotti che vanno dalle lamiere ondulate a quelle forate. La percentuale, il passo e le dimensioni delle forature possono modificare radicalmente l’aspetto e la funzionalità del sistema di rivestimento.
Queste applicazioni, nate con lo sviluppo delle macchine da taglio a controllo numerico e con i sistemi di produzione robotizzata, rappresentano uno dei più promettenti settori di sviluppo della lamiera e di altre leghe metalliche. Le lamiere utilizzate in edilizia hanno generalmente dimensioni modulari, calcolate in funzione del passo delle sottostrutture di sostegno a cui vengono connesse, o essere disponibili in nastri di larghezza costante.
Numerose tipologie di rivestimento consentono, inoltre di lavorare con lastre curve o deformate sul piano ampliando ulteriormente le possibilità espressive. L’introduzione di tecnologie innovative ha aperto la strada a usi non più strettamente strutturali della lamiera in edilizia portando fortemente alla ribalta le caratteristiche materico-formali nel disegno dei rivestimenti per l’involucro.

Copyright © - Riproduzione riservata
Lamiera

Wikitecnica.com