Langue | Wikitecnica.com

Langue

Definizione – Etimologia

Dal francese. Lingua parlata ufficialmente in un dato luogo.

Generalità

Comunemente contrapposta al termine francese parole. Considerando la langue quale lingua riconosciuta come ufficiale da una data cultura, in un dato luogo e in un dato tempo. Legata normalmente al perdurare della società che in quella langue si identifica e si esprime è la lingua letteraria per eccellenza. È dotata di regole grammaticali e sintattiche precise e trasmissibili. La seconda, al contrario, è la lingua “parlata” quotidianamente, non sempre ha un corrispettivo letterario, quasi mai una vera grammatica, una sintassi essenziale. Il rapporto tra langue e parole è biunivoco, nel senso che la seconda è influenzata dalla prima, la quale si pone in maniera più o meno ermetica a seconda del livello di espansione o contrazione civile della società che la sostiene.
In architettura la dialettica langue e parole viene utilizzata, tal volta, per distinguere l’architettura “di firma” da quella anonima. In tipologia la parole è la lingua del tipo edilizio il quale viene modificato “quotidianamente” per rispondere alle esigenze specifiche dei suoi fruitori. La stratificazione selettiva e temporale delle sue modificazioni genera la langue, in quanto espressione della cultura edile di un dato luogo nel tempo, che trova esaltazione e riconoscimento formale nei grandi edifici speciali, tanto da poter parlare di un vero e proprio “linguaggio” del luogo. La dialettica lingua e parole si ritrova quindi anche, puntualmente, in quella tra stile e linguaggio.

Esempi

Costituiscono esempi tutte le città di lunga storia che, al di là dei profondi cambiamenti economici, sociali, culturali, che le hanno trasformate nel tempo, mantengono una forte identità edile. Così a Venezia le case di epoca bizantina, gotica, rinascimentale, barocca e neoclassica, sono diverse fra loro, come parzialmente diverse sono le società che le hanno promosse, ma in tutte ritroviamo una costanza tipologica di fondo (parole) che rivela, appunto, il tipo “casa veneziana” (langue). Ma d’altronde la stessa architettura gotica non si sottrae a questa dialettica potendo parlare di Gotico inglese, dell’île de France, toscano … dove il sostantivo (lo stile) rappresenta il fatto storico-culturale e l’attributo una fondamentale qualificazione territoriale che, facendo proprio il fenomeno storico (parole), gli ha dato concretezza ed effettualità.

Bibliografia

Maretto M., Il paesaggio delle differenze. Architettura, città e territorio nella nuova era globale, Pisa, 2008; Maretto M., Realtà naturale e realtà costruita, Firenze, 1973; Strappa G., Unità dell’organismo architettonico, Bari, 1995.

Copyright © - Riproduzione riservata
Langue

Wikitecnica.com