Loculo | Wikitecnica.com

Loculo

Definizione-Etimologia

Dal lat. tardo loculum, luogo (locus) di piccole dimensioni; termine usato già nell’architettura classica con valore di “nicchia destinata a ricevere la bara” (sec. XIV, Bibbia volgar.).

Generalità

Nelle catacombe, così come nei cimiteri moderni, con il termine loculo si identifica un compartimento richiuso da parete nel quale ospitare il feretro, nell’antichità avvolto solo in un semplice sudario, in età contemporanea chiuso in una cassa con interno in metallo ed esterno in legno.
I loculi sono usati nelle costruzioni cimiteriali private (“cappelle” o “edicole”), così come nel colombario, edificio che comprende una successione di loculi affiancati e sovrapposti. Le disposizioni vigenti impongono determinate dimensioni minime interne, specifiche caratteristiche strutturali e stabiliscono materiali e modi di realizzazione della chiusura esterna. I loculi possono essere realizzati con procedimenti eseguiti interamente in opera o mediante l’utilizzo di elementi prefabbricati.

Copyright © - Riproduzione riservata
Loculo

Wikitecnica.com