Paraboloide iperbolico | Wikitecnica.com

Paraboloide iperbolico

Definizione-Etimologia

Deriva da parabola; a sua volta dal greco parabolē, parabola, sezione conica, da parabállein, mettere (un piano) in parallelo (col piano di una generatrice).

Generalità

Il paraboloide iperbolico è una superficie quadrica rigata. Per ogni punto della superficie passano due rette appartenenti alle due schiere rigate. Le generatrici rette delle due schiere sono parallele rispettivamente a due piani, detti piani direttori. Rette di una stessa schiera sono sghembe, invece rette di due schiere opposte s’incontrano sempre in un punto e individuano il piano tangente alla superficie in quel punto. La superficie possiede un unico asse principale e contiene, oltre le rette, solo sezioni piane paraboliche e iperboliche. Il paraboloide iperbolico ha curvatura gaussiana negativa e non è sviluppabile.

Esempi

Fra gli esempi più noti in architettura si ricordano il Padiglione Philips di Le Corbusier (1958), la Cattedrale di Santa Maria a Tokio di Kenzo Tange (1964) e la Cattedrale St. Mary a San Francisco di Pier Luigi Nervi (1971).

Copyright © - Riproduzione riservata
Paraboloide iperbolico

Wikitecnica.com