Porcellana | Wikitecnica.com

Porcellana

Definizione

Con il termine porcellana si identifica un prodotto ceramico caratterizzato da particolare finezza e compattezza della pasta, di colore bianco (traslucido se in piccolo spessore) e duro al punto di non essere scalfito da una punta di acciaio.

Generalità

Queste caratteristiche si ottengono usando in modo prevalente o esclusivo, caolino come materiale plastico (50% circa), feldspato potassico come fondente (25% circa) e quarzo (25% circa) sia come smagrante sia per esaltare la traslucidità del prodotto cotto ad alta temperatura consentendone la vetrificazione.
La prima cottura per l’ottenimento del biscotto avviene solitamente intorno ai 900°C e, una volta applicato lo smalto, il prodotto viene ricotto a 1400°C.
Le porcellane variano molto in funzione delle percentuali dell’impasto e dell’aggiunta di eventuali elementi; l’uso di particolari tipi di fosfati, ad esempio, conferisce colorazioni avorio e maggiore trasparenza e leggerezza. La Porcellana viene utilizzata per la realizzazione di vasellame, piatti, tazze da cucina e oggetti da decoro e in edilizia prevalentemente per la fabbricazione di apparecchi sanitari.

Copyright © - Riproduzione riservata
Porcellana

Wikitecnica.com