Puntello | Wikitecnica.com

Puntello

Figura 2524 | Puntello | Costruzioni

Definizione – Etimologia

Dal lat. tardo puntillum (piccolo punto) o forse da punta, il termine indica un elemento costruttivo, per lo più a prevalente sviluppo lineare, anche di modeste dimensioni, con funzione di sostegno, in genere provvisorio, a fronte di dissesti o di minacce di crolli, con lo scopo di sostituire o coadiuvare strutture permanenti in situazioni di crisi.

Generalità

Il puntello è normalmente sollecitato a compressione semplice ed è spesso messo in opera “a forza”, talvolta mediante cunei, per prevenire ulteriori movimenti. Originariamente in legno, può essere anche in ferro, in muratura o in calcestruzzo. Dicesi puntellare l’azione di posa in opera dei puntelli e puntellamento l’intervento.
Il puntello può essere isolato, oppure fare parte di un sistema più complesso di rinforzo o anche di sostegno di opere provvisionali, come nel caso sostenga un’armatura per getti o una incastellatura di lavoro. La forma, la consistenza, il tipo di puntelli variano molto a seconda del genere di costruzione cui esso viene applicato e del tempo previsto di mantenimento in opera.
Per estensione, il termine può indicare anche un’intera struttura composita (una incavallatura, un traliccio o un insieme di tali elementi) con funzione di sostegno provvisorio.
Ampio uso di puntelli si ha negli scavi, per la realizzazione di sbadacciatura di sostegno del terreno, nella realizzazione di gallerie e di opere minerarie, per mettere in sicurezza edifici a seguito di eventi sismici.
Il puntello, come ogni elemento strutturale soggetto a compressione, ad esempio come il puntone, è particolarmente sensibile ai fenomeni di instabilità per carico di punta.

Copyright © - Riproduzione riservata
Puntello

Wikitecnica.com