Risalto | Wikitecnica.com

Risalto

Definizione – Etimologia

Composto dal prefisso re-, che ha qui valore rafforzativo e di contrasto, e salto, dal verbo saltare, come atto del distaccarsi e distinguersi. In architettura, elemento aggettante, emergente da una superficie uniforme.

Tipologie

Può avere funzione decorativa, nel caso di un fregio o di una cornice, oppure di allontanamento delle acque meteoriche, nel caso in cui venga realizzato su una parete esposta agli agenti atmosferici. Nella progettazione si rappresenta più significativamente in sezione. Staticamente assume il comportamento di una mensola.
Nelle strutture in opera quadrata, i risalti (ad esempio, i blocchi utilizzati come mensole per il sostegno di travi) sono costituiti da elementi posizionati in senso perpendicolare all’andamento della parete della quale fanno parte.
Nelle strutture in muratura di laterizi, le modanature e gli elementi dell’ordine architettonico venivano realizzati posizionando a sbalzo i mattoni necessari a sostenere il risalto e applicando su questi lo stucco da modellare successivamente.
Nelle strutture in cemento armato, un risalto si costruisce sagomando le casseforme secondo l’andamento desiderato, lasciando fuoriuscire le barre di armatura necessarie a sostenere l’elemento sporgente e colando il calcestruzzo anche su queste parti.
Nella percezione visiva, è ciò che l’occhio coglie immediatamente in un’opera, prima del resto dell’immagine.
In natura, un risalto di roccia costituisce un gradino, una variazione nell’andamento principalmente verticale di una parete rocciosa.
In idraulica, perturbazione del moto di una corrente liquida.

Copyright © - Riproduzione riservata
Risalto

Wikitecnica.com