Rovere | Wikitecnica.com

Rovere

Definizione

Lat. quercus sessiliflora. Pianta delle fagacee, del genere quercus, latifoglia a lento accrescimento, diffusa nelle zone temperate settentrionali dell’Europa, Nord America, Asia che con altre specie affini (quercus peduncolata o farnia) e quercus pubescens o roverella) sono comunemente denominate rovere.

Generalità

Il legname è durevole, resistente a condizioni climatiche avverse (cicli secco-umido) e ha tessitura grossolana, fibratura dritta e colore giallastro (alburno) e bruno (durame). L’essicazione naturale è lunga e i procedimenti artificiali vanno controllati per evitare fessurazioni e deformazioni. La lavorabilità dei tronchi non è sempre agevole. Da sempre il pregiato legno di r. è largamente utilizzato nel settore delle costruzioni (civili, navali, ferroviarie) e nel campo dell’architettura d’interni per mobili, listoni e tranciati per impiallacciature.

Bibliografia

AA.VV., Atlante del legno, Torino, 1998; Benedetti C., Bacigalupi V., Legno architettura, Kappa, Roma, 1991; Enciclopedia Treccani, ad vocem, http://www.treccani.it/enciclopedia/rovere/; Giachino D.M., Legno. Manuale per progettare in Italia, Torino, 2013; Giordano G., Tecnologia del legno, Torino, 1981.

Copyright © - Riproduzione riservata
Rovere

Wikitecnica.com