Sestiere | Wikitecnica.com

Sestiere

Fronte dei palazzi del sestiere di Cannaregio di Venezia prospettanti sul Canal Grande (foto M. Cadinu).
Fronte dei palazzi del sestiere di Cannaregio di Venezia prospettanti sul Canal Grande (foto M. Cadinu).

Definizione

Il sestiere è una delle tre parti in cui si suddivide una città, secondo tradizioni che risalgono al tempo medievale e alla sua originaria organizzazione amministrativa. Ai sestieri corrisponde una precisa perimetrazione e una organizzata ripartizione in parrocchie.

Descrizione

La divisione delle città in sestieri è di origine medievale. Molte città in origine divise in sestieri sono state poi riorganizzate in quartieri, secondo nuovi principi amministrativi. Tra queste la città di Firenze che dal 1250 era divisa in sestieri a ognuno dei quali era permesso di nominare sei Capitani del Popolo.
La città di Venezia mantiene la divisione originale in sestieri; tra le particolarità oggi derivanti da questa forma vi è la disposizione dei numeri civici delle abitazioni, distribuiti secondo un percorso che segue logiche legate alla complessa planimetria della città. Le case di ciascun sestiere sono distinte da un semplice numero progressivo, senza ulteriori riferimenti a calli o campi. La divisione amministrativa di Venezia in sestieri ebbe effetto sulla sua politica estera quando, dopo la conquista di Creta nel XIII secolo, l’isola fu divisa in sei parti o sestieri corrispondenti a quelli della città; ai cittadini di ciascun sestiere di Venezia spettavano particolari diritti nel sestiere della colonia. Non sono comprovate le relazioni tra ulteriori significati di sestieri, come l’unità di misura di aridi e liquidi pari a quaranta pinte in uso a Saluzzo e citata negli statuti della valle del Macra nel 1378, con l’accezione urbanistica del termine.

Copyright © - Riproduzione riservata
Sestiere

Wikitecnica.com