Soppalco | Wikitecnica.com

Soppalco

Definizione

Letteralmente “sotto il palco”, il tetto. Vano posto tra il tetto e il solaio dell’ultimo piano di un edificio, per la difesa dal caldo o dal freddo. Detto anche sottotetto o soffitta.

Generalità

Più comunemente, il soppalco identifica una superficie praticabile che si ottiene ponendo un piano orizzontale, solaio, a una certa altezza di un ambiente principale sufficientemente alto. Il soppalco, generalmente accessibile tramite una scala, ha almeno un lato completamente libero che si affaccia sul vano sottostante.
La definizione si applica sia agli interventi sull’esistente, sia a quelli di nuova costruzione.
Il soppalco può avere una struttura indipendente, ad esempio in legno o acciaio, o essere strettamente connesso alla maglia strutturale dell’edificio.
In architettura il soppalco si lega al tema della doppia altezza, sperimentato da Le Corbusier negli anni venti, allorché si compresero le potenzialità della struttura puntiforme in cemento armato, per la definizione di spazi architettonici complessi e articolati.

Copyright © - Riproduzione riservata
Soppalco

Wikitecnica.com