Teflon (PTFE) | Wikitecnica.com

Teflon (PTFE)

Definizione

Marchio di un polimero fluorato (PTFE) il teflon presenta peculiari caratteristiche di resistenza termica e al fuoco, agli agenti atmosferici e chimici, ottime proprietà isolanti e un bassissimo coefficiente d’attrito.

Generalità

Utilizzato dall’industria chimica, elettrica, meccanica e tessile, ha visto, per le proprietà di permeabilità alla luce e resistenza ai raggi UV, un diffuso utilizzo anche nell’architettura, temporanea o stabile, per membrane, tensostrutture ed elementi impermeabilizzanti con una durabilità media prevista in venticinque anni.
In campo strutturale viene impiegato nella realizzazione di dispositivi di scorrimento, appoggi, vincoli e dissipatori sismici, per lo più realizzati in acciaio e PTFE, sia in nuove costruzioni che nel recupero di edifici esistenti.
Il teflon, anisotropo come il PVC, trova oggi nel poliestere/PVC e particolarmente nell’EFTE, più leggero e trasparente, un valido antagonista per la realizzazione di strutture tessili, anche stampabili e sotto pressione.

Copyright © - Riproduzione riservata
Teflon (PTFE)

Wikitecnica.com