Tenia | Wikitecnica.com

Tenia

Definizione – Etimologia

Dal lat. taenia e gr. ταινία (fascia). Profilo di coronamento dell’architrave dorico e di raccordo con il fregio. La tenia si configura come un listello rilevato rispetto al piano dell’architrave, sotto cui trovano posto a intervalli regolari le regulae, listelli più corti e meno aggettanti.

Generalità

L’elemento è normalmente liscio ma può essere decorato con motivi dipinti quali il meandro o l’anthemion (Atene, Partenone). Nella tesi dell’origine lignea dell’ordine dorico si ritiene che la tenia sia la trasposizione litica di un elemento di legno a C posto in alto sull’architrave, allo scopo di serrare le diverse travi di cui questo era composto. Vitruvio (IV, 3, 4) prescrive che la tenia sia in un rapporto di 1:7 con l’altezza dell’intero architrave (tenia compresa), ma in realtà, questa è di solito più contratta.

Bibliografia

Corso A., in Gros P. (a cura), Vitruvio. De Architettura, Torino 1997, p. 468; RoccoG., Guida alla lettura degli ordini architettonici antichi. I. Il dorico, Napoli 1994, pp. 44, 55.

Copyright © - Riproduzione riservata
Tenia

Wikitecnica.com