Titanio (tecnologia) | Wikitecnica.com

Titanio (tecnologia)

Metallo leggero (densità 4,5 g/mc), di colore bianco lucido, dotato di ottima resistenza meccanica e alla corrosione da soluzioni saline, da acidi organici. È biochimicamente inerte. Il titanio viene utilizzato in lega con altri metalli per migliorare le caratteristiche di resistenza meccanica e di stabilità chimica; sotto forma di biossido di titanio è utilizzato nei pigmenti bianchi per prodotti vernicianti, nei calcestruzzi bianchi fotocatalitici e ad alta resistenza e in alcune materie plastiche.
Il titanio, a fronte di un peso molto contenuto, ha un’ottima resistenza meccanica comparabile con quella dell’acciaio, per cui viene combinato in leghe leggere con altri metalli per ottenere prestazioni di lavorabilità, di resistenza meccanica anche in condizioni di carico e regimi termici estremi oltre che in ambienti chimicamente molto aggressivi; i metalli con cui si trova più comunemente in lega sono il ferro, l’alluminio, il manganese e lo zinco. Il titanio trova utilizzo in molti settori industriali.

Copyright © - Riproduzione riservata
Titanio (tecnologia)

Wikitecnica.com