Triglifo | Wikitecnica.com

Triglifo

Atene (Grecia), Partenone, lato sud, tra i triglifi la metopa istoriato con la lotta tra i Lapiti e i centauri.
Atene (Grecia), Partenone, lato sud, tra i triglifi la metopa istoriato con la lotta tra i Lapiti e i centauri.

Definizione – Etimologia

Nell’ordine dorico, è l’elemento del fregio, di forma rettangolare, disposto alternatamente alle metope. Il termine gr. τρίγλυφος, composto di τρι (tre) e γλυφή (incavo) non troverebbe un riscontro diretto nella formalizzazione del blocco litico, in cui la superficie risulta scandita da solo due intagli verticali a sezione triangolare (glifo) e due metà degli stessi, posti alle estremità (emiglifi), intervallati da tre fasce piane ( femore) e coronati da un elemento orizzontale (capitello del triglifo). Tali forme replicherebbero, per Vitruvio (IV, II, 2- III, 2), un precursore in terracotta (testimoniato, infatti, negli scavi di Kalydon e Thermos), in cui le incisioni testimoniavano la composizione delle trabes compactiles della copertura, a cui offrivano protezione, formate da più elementi inizialmente a vista e separati da una fessura verticale.
Il numero di tre glifi andrebbe dunque riferito a una tavoletta con quattro femori (Corinto, fontana ipogea), il cui piano, allineato all’epistilio, viene raccordato con quello arretrato delle metope tramite gli emiglifi.
Nell’origine prelitica del triglifo se ne motiva il successivo mantenimento della costante assialità, oltre che con regulae e mutuli, con le colonne, concausa del problema del conflitto angolare, il quale è risolto di rado con l’allungamento del triglifo stesso (Selinunte, tempio C). Le travi di copertura presenti sui sostegni, furono raddoppiate portando alla presenza di triglifi anche sugli intercolumni e a proporzioni quadrate anzi che rettangolari per la metopa (Delfi, monoptero). Gli elementi del fregio presenti esclusivamente sui prospetti laterali furono reiterati sui fronti per motivi decorativi. Il triglifo è dipinto in blu e la terminazione dei glifi varia dalla semicircolare arcaica alla prismatica più tarda.

Bibliografia

Ferri S. (a cura di), Vitruvio. Architettura (libri I-VII), Roma 1960, pp. 148-159; Rocco G., Guida alla lettura degli ordini architettonici antichi. I. Il dorico, Napoli 1994, pp. 42-56.

Copyright © - Riproduzione riservata
Triglifo

Wikitecnica.com