Tumulo | Wikitecnica.com

Tumulo

Definizione – Etimologia

Dal latino tŭmĕo (essere gonfio). Il termine può riferirsi a qualunque prominenza del terreno e, per estensione, a quelle realizzate dall’uomo. In questo caso si tratta di accumuli artificiali di terreno, più o meno grandi, rinvenuti in tutti i continenti, sempre dotati di grande valore simbolico, che possono caratterizzare una sepoltura o assumere funzione commemorativa o di culto.

Generalità

Nelle aree a cultura megalitica dell’Europa nord-occidentale sono attestate sepolture a tumulo già alla fine del Neolitico. Nella penisola scandinava sono presenti rare piccole strutture datate fino al V sec. a.C., quando la realizzazione si interruppe per riprendere nel V sec. d.C. con manufatti molto grandi (tumuli reali di Uppsala in Svezia).
I ritrovamenti effettuati in Alsazia, Lussemburgo, Francia, Polonia, Germania e Svizzera sono stati ricollegati a un’unica matrice culturale documentata, in Europa, fra il XV e il XIII sec. a.C.
Tumuli funerari sono presenti in Frigia, presso l’antica capitale Gordion (VIII-VII sec. a.C.), nei dintorni di Sardi in Lidia (sepolcreto reale di Bin Tepe, “delle mille colline”) con evidente influenza frigia (VII sec. a.C.) e nella Scizia dall’età del Rame fino al V sec. d.C. (kurgan).
In Etruria, a cominciare dal VII sec. a.C. e fino all’inizio del V, i tumuli ricoprivano tombe a cupola o a thólos appartenenti a famiglie patrizie (Cere, Veio, Tarquinia, Vulci). Alla fine del IV secolo risalgono i tumuli reali macedoni della necropoli di Vergina (Grecia).
A partire dal IV-VI sec. d.C. la realizzazione di queste strutture in Europa divenne sempre più rara per scomparire del tutto dopo la fine del I millennio.
Tumuli funerari esistevano in India già prima del VI sec. a.C., mentre con il Buddhismo si diffuse, in tutta l’Asia sud orientale, la realizzazione degli stūpa, manufatti dal grande valore simbolico, costituiti all’origine da semplici accumuli di terra e solo successivamente rivestiti in mattone e pietra, ancora oggi costruiti e rinnovati.

Copyright © - Riproduzione riservata
Tumulo

Wikitecnica.com